Ape Social e lavoratori precoci: domanda e scadenze. Ecco tutte le novità

Ape Social e beneficio lavoratori precoci: ecco scadenze e regole per presentare domanda. Tutte le novità sulle pensioni contenute nei decreti attuativi.

Ape Social e lavoratori precoci: domanda e scadenze. Ecco tutte le novità

Scadenze e modalità di invio della domanda di Ape Social e della pensione anticipata per i lavoratori precoci sono state rese note con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 16 giugno 2017 dei decreti attuativi e con le relative circolare Inps. Quali sono le novità sulle pensioni anticipate e quali sono tempi e regole stabilite dall’Inps e dal Governo?

Le regole previste dai decreti e dall’Inps fissano una scadenza precisa e vincolante: stando alle ultime novità chi perfezionerà i requisiti entro il 31 dicembre 2017 dovrà presentare domanda entro il 15 luglio 2017 mentre per gli anni successivi la scadenza è fissata al 1° marzo.

Sarà aperta un’ulteriore fase di trasmissione delle domande ma per lavoratori precoci e lavoratori che rispetteranno i requisiti per accedere all’Ape Social è bene affrettarsi: si potrà presentare domanda anche entro il 30 novembre ma il nodo principale restano le risorse. I fondi messi a disposizione potrebbero non bastare per garantire la pensione anticipata a tutti i possibili beneficiari delle due prestazioni.

Con la pubblicazione dei decreti attuativi in Gazzetta Ufficiale del 16 giugno 2017 si hanno finalmente a disposizione notizie certe sulle pensioni anticipate: tra le novità anche la possibilità per chi ha accesso all’Ape Social di accedere al cumulo gratuito dei contributi, l’erogazione del bonus Renzi di 80 euro e la conferma dei limiti all’importo dell’assegno mensile.

Ecco tutte le ultime notizie sulle pensioni anticipate, tempi e scadenza per presentare domanda di Ape Social e Quota 41 per lavoratori precoci nel 2017 e la sintesi delle novità introdotte con i decreti attuativi e le circolari Inps.

Ape Social e lavoratori precoci: tutte le novità su scadenza domanda e regole Inps previste nei decreti attuativi

Tempismo fondamentale per chi intende presentate domanda e accedere all’Ape Social o al prepensionamento previsto per i lavoratori precoci: la pensione anticipata a costo zero, stando a quanto previsto dalle novità introdotte con i decreti attuativi, verrà erogata in via preferenziale a chi invierà istanza di riconoscimento dei requisiti Inps entro il 15 luglio 2017.

Successivamente, e dopo che l’Inps avrà trasmesso agli interessati l’esito dell’istanza di accoglimento o rigetto della richiesta di pensione anticipata, sarà necessario trasmettere la domanda definitiva; la pensione verrà erogata dal mese successivo all’invio.

Sarà possibile, sia per il 2017 che per gli anni successivi, inviare la prima domanda anche entro la scadenza del 30 novembre, ma c’è un però.

Le domande dei lavoratori precoci e di Ape Social trasmesse all’Inps dopo la scadenza del 15 luglio 2017 verranno prese in esame soltanto qualora non fosse stato già superato il tetto di spesa previsto per il finanziamento delle due nuove prestazioni in materia di pensioni, che per il 2017 è quantificato in 300 milioni di euro per l’Ape Social e di 360 milioni di euro per i lavoratori precoci.

Stesse scadenza per le due tipologie di pensione anticipata e regole pressoché simili; per le pensioni la novità confermata riguarda i soggetti ammessi all’Ape Social, nei confronti dei quali è concesso il cumulo dei contributi versati in casse previdenziali diverse ma entro il limite di 1.500 euro al mese di assegno previdenziale.

Ape Social e lavoratori precoci: nei decreti attuativi novità sulla graduatoria d’accesso

Tra le novità rese note con la pubblicazione dei decreti attuativi pensioni 2017, arrivano anche le indicazioni su come verrà formata la graduatoria d’accesso ad Ape Social e Quota 41 per lavoratori precoci nel caso di esaurimento delle risorse.

Nel decreto attuativo per la pensione dei lavoratori precoci, è stabilito che la graduatoria verrà formata sulla base della data di perfezionamento del requisito contributivo ridotto; nel caso di parità la pensione anticipata verrà erogata in via prioritaria sulla base della data di presentazione della domanda. Chi tra i precoci non avrà accesso immediato alla pensione anticipata si vedrà posticipare la data di erogazione dell’assegno previdenziale sulla base dello scorrimento della graduatoria.

Per quanto riguarda l’Ape Social, stando alle novità dei decreti attuativi, la pensione verrà erogata sulla base della data di raggiungimento del requisito anagrafico previsto per l’accesso alla pensione di vecchiaia; a parità di requisito la graduatoria verrà stilata sulla base della data di presentazione della domanda Inps per il riconoscimento dei requisiti.

Per tutte le novità sulle pensioni anticipate e per il dettaglio dei requisiti richiesti per lavoratori precoci e beneficiari dell’Ape Social i lettori possono consultare l’articolo con i testi dei decreti attuativi pubblicati in Gazzetta Ufficiale del 16 giugno 2017.