Cos'è il bilancio di esercizio?

Cos’è il bilancio di esercizio?

Francesco Oliva - Bilancio e principi contabili

Bilancio di esercizio: cos'è e a cosa serve? Ecco la guida completa sul bilancio di esercizio, con particolare riferimento a funzioni, schemi obbligatori e normativa di riferimento.

Cos’è il bilancio di esercizio e quali sono i soggetti obbligati alla sua redazione? Quali sono le funzioni svolte dal bilancio di esercizio?
Il bilancio di esercizio svolge una funzione fondamentale nelle moderne economie: in primo luogo perché attraverso il bilancio è possibile valutare la situazione patrimoniale, economica e finanziaria delle aziende e la loro capacità ad investire e garantire occupazione.

Il bilancio di esercizio è disciplinato in Italia dagli articoli 2423 e seguenti del codice civile, oltre che dalla normativa comunitaria speciale in materia e dalla normativa tecnica di settore nazionale (principi contabili emanati dall’Organismo Italiano di Contabilità-OIC) ed internazionale (International Accounting Standard-IAS).

In questa guida illustreremo il significato e le funzioni fondamentali del bilancio di esercizio, nei prossimi giorni, all’interno della sezione “bilancio e principi contabili” del nostro sito, potrete trovare ulteriori approfondimenti in materia di Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa.

Cos’è il bilancio di esercizio?

La definizione di bilancio di esercizio è contenuta nell’articolo 2423 comma 1 del codice civile dove si legge che:

Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa

Di conseguenza, il bilancio di esercizio deve essere redatto dagli amministratori, ovvero dai soggetti che rappresentano legalmente la società e ne sono responsabili dal punto di vista contabile, amministrativo e fiscale.

Il bilancio di esercizio si compone di tre documenti fondamentali:

Bilancio di esercizio: lo Stato Patrimoniale
Lo schema obbligatorio di Stato Patrimoniale è previsto dall’articolo 2424 del codice civile. Lo Stato Patrimoniale consente di valutare la situazione patrimoniale e finanziaria dell’azienda.

Lo Stato Patrimoniale del bilancio di esercizio ha uno schema a sezioni contrapposte rappresentate da:

  • Attivo, ovvero l’insieme degli elementi patrimoniali e finanziari che consentono lo svolgimento dell’attività aziendale;
  • Passivo, ovvero l’insieme delle fonti di capitale proprio e di capitale di terzi che consentono all’azienda di investire nell’acquisizione dei beni strumentali necessari allo svolgimento dell’attività aziendale.

Bilancio di esercizio: il Conto Economico
Il Conto Economico è previsto dall’articolo 2425 del codice civile. Il Conto Economico ha uno schema in forma scalare e suddiviso in due voci fondamentali: ricavi e costi dell’esercizio.

La differenza può essere:

  • positiva, in questo caso si parla di utile di esercizio;
  • negativa, in questo caso si parla di perdita di esercizio.

Bilancio di esercizio: il rendiconto finanziario
Il Rendiconto Finanziario è disciplinato dall’articolo 2425-ter del codice civile dove si legge che:

Dal rendiconto finanziario risultano, per l’esercizio a cui é riferito il bilancio e per quello precedente, l’ammontare e la composizione delle disponibilita’ liquide, all’inizio e alla fine dell’esercizio, ed i flussi finanziari dell’esercizio derivanti dall’attivita’ operativa, da quella di investimento, da quella di finanziamento, ivi comprese, con autonoma indicazione, le operazioni con i soci

Il rendiconto finanziario del bilancio di esercizio consente quindi di approfondire i dati e la valutazione inerenti la liquidità e la solvibilità aziendale.

Bilancio di esercizio: la nota integrativa
La quarta componente costitutiva del bilancio di esercizio è rappresentata dalla nota integrativa.

La nota integrativa è prevista dall’articolo 2427 del codice civile e consente di spiegare in modo discorsivo i dati numeri contenuti nello Stato Patrimoniale e nel Conto Economico. Con la nota integrativa, infatti, si entra nel merito della composizione e delle eventuali variazioni delle voci di Stato Patrimoniale e Conto Economico che altrimenti non sarebbero comprensibile dalla sola lettura dei dati numerici.

Nota integrativa e rendiconto finanziario non obbligatori per le micro-imprese

A partire dai bilanci degli esercizi successivi al 1° gennaio 2016 la nota integrativa ed il rendiconto finanziario non saranno obbligatori per le imprese rientranti nella categoria di micro-impresa.

Cos’è la micro-impresa?
Per micro-impresa si intende, ai sensi del novellato articolo 2435-ter del codice civile, quell’impresa che nel primo esercizio o successivamente per due esercizi consecutivi, non supera due dei seguenti tre limiti:

  • totale attivo dello stato patrimoniale non superiore a 175.000 euro;
  • ammontare dei ricavi inferiore a 350.000 euro;
  • dipendenti occupati in media durante l’esercizio inferiore alle 5 unità.

Quali sono le funzioni del bilancio di esercizio?

Il bilancio di esercizio assolve ad una molteplicità di funzioni.
In estrema sintesi, è possibile affermare che il bilancio di esercizio svolga due funzioni fondamentali rispetto al sistema ambiente in cui l’azienda opera:

  • una funzione di verifica interna, che consente ai proprietari/azionisti di valutare correttamente il proprio investimento nell’azienda, anche grazie all’applicazione del principio del costo-opportunità;
  • una funzione di verifica esterna, che è quella che il bilancio di esercizio svolge fornendo tutte le informazioni necessarie affinché i terzi soggetti che entrano in contatto con l’azienda possano valutarne correttamente la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica.

Iscriviti alla nostra newsletter


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03