Maternità, paternità e prima infanzia: tutti i bonus 2017

Quali sono i bonus erogati nel 2017 in caso di maternità e paternità e quali sono le agevolazioni per la prima infanzia? Ecco tutte le agevolazioni che è possibile richiedere.

Maternità, paternità e prima infanzia: tutti i bonus 2017

Bonus maternità, paternità e prima infanzia 2017: nuovi incentivi alla nascita e agevolazioni per i neo genitori confermati ed estesi con l’ultima Legge di Bilancio.

Tra le agevolazioni quella più nota e che ha registrato ad oggi il maggior numero di domande è il bonus mamme 2017, erogato a tutte le donne al compimento dell’8° mese di gravidanza senza alcun limite di reddito.

Non si tratta tuttavia dell’unico bonus 2017 per le nascite: in caso di maternità e paternità si possono richiedere numerose agevolazioni per la prima infanzia e si attende a breve la pubblicazione della circolare Inps sul bonus nido 2017, che darà diritto a percepire un assegno di 1.000 euro per il pagamento della retta dell’asilo nido.

Tutti i bonus 2017 per i genitori e per la prima infanzia vengono erogati presentando domanda Inps e nel rispetto di determinati requisiti: per il bonus bebè 2017, a differenza del bonus mamme domani, è richiesta la presentazione del modello Isee in quanto l’ammontare dell’assegno è determinato sulla base di specifici requisiti di reddito.

Confermati anche per il 2017 i voucher baby sitter e asilo nido, che possono essere richiesti dalle mamme che rinunciano al periodo di congedo facoltativo.

Di seguito tutti i bonus per maternità, paternità e prima infanzia che possono essere richiesti all’Inps, con guide specifiche e sintesi di requisiti e come presentare domanda.

Maternità, paternità e prima infanzia: bonus bebè 2017

Come incentivo a maternità e prima infanzia è confermato il bonus bebè 2017, che può essere richiesto dai neo genitori presentando domanda Inps entro 90 giorni dalla nascita o dall’adozione.

I requisiti per il bonus bebè 2017 prevedono innanzitutto la presentazione del modello Isee: importo e diritto al bonus vengono valutati sulla base del reddito del nucleo familiare e può essere richiesto da tutte le famiglie con figli nati o adottati tra il 2015 e il 31 dicembre 2017 che non superano il reddito di 25.000 euro.

L’importo del bonus bebè 2017 è determinato sulla base del proprio reddito, ovvero:

  • 80 euro al mese, per 36 mesi, con un totale di 960 euro per i redditi compresi tra i 7 e i 25 mila euro;
  • 160 euro al mese, per 36 mesi, con un totale di 1.920 euro per redditi inferiori ai 7.000 euro.

Il bonus bebè 2017 viene quindi erogato a decorrere della nascita del figlio o della data di adozione e fino al compimento dei 3 anni o fino al terzo anno dall’ingresso nel nucleo familiare e di norma l’accredito dell’importo avviene entro il 5 di ogni mese.

Per beneficiare di questo incentivo a maternità e paternità bisognerà inviare domanda Inps per il bonus prima infanzia 2017 compilando il modulo assegno di natalità - bonus bebè che dovrà essere inviato in una delle seguenti modalità:

  • Servizi Online Inps, accedendo con il proprio PIN dispositivo;
  • Numero verse 803.164 da fisso o 06.164164 da cellulare;
  • Uffici dei patronati del proprio comune di residenza.

Il bonus bebè 2017 non concorre alla formazione del reddito complessivo imponibile a fini Irpef e non ha conseguenze sul diritto a percepire il bonus di 80 euro in busta paga.

Per approfondire si consiglia la lettura della guida completa al bonus bebè 2017.

Maternità, paternità e prima infanzia: bonus mamme 2017

Tra le novità introdotte con la Legge di Bilancio 2017 il bonus mamme è sicuramente l’agevolazione per la maternità di maggiore interesse. Possono richiederlo tutte le donne in gravidanza o per nascite o adozioni avvenute a decorrere dal 1° gennaio 2017.

Le domande per il bonus mamme domani 2017 possono essere presentate a partire dal 4 maggio scorso e per richiederlo non sono previsti limiti di reddito Isee; la domanda Inps va inoltrata all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza o, nel caso di parto già avvenuto, entro un anno dall’evento. Il bonus mamme 2017 viene erogato anche in caso di adozioni o affidamenti preadottivi.

L’importo del bonus mamme 2017 è di 800 euro per evento e, in sostanza, in caso di parto gemellare si avrà diritto al raddoppio del bonus maternità.

Le modalità di presentazione delle domande sono quelle ordinarie: la richiesta di bonus maternità 2017 dovrà essere inoltrata in modalità telematica sul sito Inps con Pin dispositivo, tramite Contact Center Integrato o presso un patronato.

In questo caso sarà richiesto di presentare specifici documenti che attestino la gravidanza all’8° mese o la nascita, adozione o affidamento preadottivo.

Dal punto di vista fiscale si sottolinea che il bonus maternità 2017 non concorre alla formazione del reddito complessivo del nucleo familiare.

Per conoscere quali sono i documenti richiesti e tutti i dettagli sul bonus mamme domani 2017 si consiglia la lettura dell’articolo di approfondimento.

Maternità, paternità e prima infanzia: bonus nido 2017

Per incentivare maternità e paternità tra i bonus prima infanzia 2017 è stato introdotto anche il bonus nido, con il quale si ha diritto a percepire un importo di 1.000 euro finalizzato a pagare la retta dell’asilo nido.

La circolare Inps con i dettagli su requisiti e modalità di presentazione delle domande di bonus nido 2017 dovrà essere pubblicata a breve. Per ricevere i 1.000 euro di bonus asilo nido è necessario rispettare alcuni requisiti ma non è richiesto il rispetto di limiti di reddito.

Il bonus nido verrà erogato nel rispetto delle seguenti condizioni:

  • nuovi nati dal 2016;
  • potrà essere percepito per un massimo di un triennio in quanto riguarda i bambini da 0 a 3 anni;
  • l’ambito di applicazione è esteso anche al supporto presso la propria abitazione in favore dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche.

L’importo per l’iscrizione all’asilo nido per la prima infanzia verrà erogato in rate da circa 90 euro l’una e sarà necessario documentare l’avvenuto pagamento della retta del nido.

Si ricorda che non è ammesso il cumulo del bonus con la detrazione fiscale del 19% per le spese dell’asilo nido da inserire nel modello 730/2017, con la quale si ha diritto alla detrazione massima di 120 euro ad anno.

Tutti i dettagli sono contenuti nella guida al bonus nido 2017, che verrà aggiornata non appena l’Inps renderà note le istruzioni operative con l’apposita circolare.

Maternità, paternità e prima infanzia: voucher baby sitter e asilo nido 2017

Da non confondere con il bonus nido 2017, per agevolare maternità e paternità e contribuire alle spese necessarie per la prima infanzia sono stati confermati anche nel 2017 i voucher baby sitter e asilo nido, che vengono erogati in alternativa alla fruizione del congedo parentale per lavoratrici dipendenti e autonome.

I voucher per pagare il servizio della baby sitter o per la retta del nido possono essere richiesti dal termine del congedo di maternità e fino ad 11 mesi successivi si ha diritto ad un bonus di 600 euro al mese e per un massimo di sei mesi.

Per richiederli è necessario presentare domanda telematica Inps attraverso i canali dedicati; dal momento di accoglimento della domanda sarà necessario ritirare i buoni lavoro entro 120 giorni, pena la decadenza del diritto a beneficiare del bonus maternità 2017.

Per conoscere tutti i dettagli si invita a leggere l’approfondimento sui voucher baby sitter e asilo nido 2017.