Pensioni news, Ape: le ultime novità su requisiti e tempi per i decreti attuativi

Ape social: ultime novità pensioni e pubblicazione a breve in Gazzetta Ufficiale. Ecco l'analisi di tempi e requisiti dell'anticipo pensionistico.

Pensioni news, Ape: le ultime novità su requisiti e tempi per i decreti attuativi

Pensioni news: i decreti attuativi per Ape social dovrebbero essere trasmessi a breve alla Corte dei Conti in vista della pubblicazione finale. Sono queste le ultime novità di pensioni contenute nelle dichiarazioni del Ministro Poletti della scorsa settimana che permettono di descrivere come quasi conclusa la parabola attuativa dell’Ape social.

Se le ultime news in tema pensioni risultassero confermate i decreti attuativi per l’Ape social arriverebbero ad essere approvati con più di 2 mesi di ritardo. Tempi così dilatati si sono resi necessari, stando alle parole del Ministro del Lavoro, a causa della complessità delle novità richieste da questo ramo della riforma delle pensioni.

Quali sono le ultime news sui tempi di Ape social? Cerchiamo di fornire il punto della situazione con le novità sui decreti attuativi.

Pensioni news, Ape sociale: le ultime novità sui tempi per i decreti attuativi

Secondo le ultime novità sulle pensioni il testo del decreto attuativo dell’Ape, l’anticipo pensionistico a costo zero, dovrebbe essere pubblicato entro pochi giorni. Le news dell’ultima ora fissano la sua comparsa in Gazzetta Ufficiale anche per la prossima settimana.

Per la chiusura del percorso dei decreti attuativi infatti i tempi dovrebbero essere ormai maturi dopo un percorso di elaborazione che è durato 5 mesi dalla lontana data dell’entrata in vigore della Legge di Bilancio, la prima a istituire le novità della futura (ancora per poco) riforma delle pensioni. News circa la pubblicazione definitiva dei decreti attuativi per Ape social e Quota 41 dovrebbero essere rese note quindi nei prossimi giorni.

Sui tempi della riforma pensioni le novità per Ape social si possono riassumere in due punti:

  • decorrenza retrodatata dell’indennità a partire dal 1° maggio per chi ha maturato i requisiti entro quella data,
  • proroga di 15 giorni sulla presentazione delle domande.

Circa l’ultimo punto le news in tema pensioni stabiliscono il termine per la presentazione della domanda al 15 luglio 2017, circa due settimane in più rispetto al 30 giugno indicato dalle bozze inviate a Palazzo Spada. Secondo le novità dell’ultima ora sarebbe parallelamente ritardato anche al 15 ottobre la scadenza per l’invio delle comunicazioni di accoglimento da parte dell’Inps.

Pensioni news, decreti attuativi: requisiti d’accesso all’Ape social

Ricordiamo che le novità della riforma pensioni per l’Ape sociale impongono come requisiti l’aver maturato 63 anni di età e 30 di contributi (35 per i lavoratori usuranti). Le news allegate alla Legge di Bilancio inoltre chiariscono come il richiedente per vedere accolta la propria domanda deve rientrare in uno dei seguenti profili:

  • essere in stato di disoccupazione per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e aver esaurito completamente da almeno 3 mesi la prestazione per la disoccupazione;
  • assistere da almeno 6 mesi al momento della richiesta il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104);
  • possedere una riduzione della capacità lavorativa riconosciuta almeno al 74%;
  • essere lavoratori dipendenti impiegati in attività usuranti ovvero per le quali è richiesto lo svolgimento di mansioni particolarmente difficoltose e rischiose.

Per quanto riguarda l’ultimo punto, le news sulle pensioni introdotte con il D.L. 50/2017 hanno segnato l’introduzione di una franchigia di 12 mesi sui 6 anni di attività continuativa in lavori considerati gravosi.

Pensioni news, Ape sociale: le richieste di correzione sui requisiti

Le ultime news sulle pensioni indicano come i contorni dei requisiti per l’Ape social siano tutt’altro che definiti. Sono molte infatti le richieste che richiedono un’estensione della platea dei beneficiari. Il problema principale a riguardo sarebbe che le novità non possono essere inserite all’interno dei decreti attuativi ma necessiterebbero di un intervento legislativo di maggior peso sulla fonte primaria.

Tra le novità richieste sui requisiti per Ape social c’è in primo luogo un’estensione della misura ai disoccupati senza requisiti per la Naspi e agli operai agricoli: categorie che rimarrebbero escluse dall’indennità con la norma attuale.

Le news in tema pensioni vedono come promotore di questi cambiamenti anche la Commissione Lavoro alla Camera presieduta da Cesare Damiano che recentemente ha anche rinnovato le richiesta sull’ampliamento a 24 mesi sulla franchigia per attività usuranti, nonché la diminuzione a 30 anni di contributi per gli operai dell’edilizia, i conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni.